Flower 58

mercoledì 19 luglio 2017

Contest "Se io fossi...": premi Zenstore!

Ciao a tutti,
come promesso oggi vi voglio presentare meglio i prodotti in palio per il Contest in collaborazione con Zenstore, sito che come ben sapete consiglio spesso per la grande varietà del catalogo che propone. Qualora voi non sappiate di quale Contest parlo visitate la mia pagina facebook: lascio QUA il link diretto all'immagine che riassume i premi e il regolamento per partecipare a questo Contest, attivo anche su Instagram.

Vi propongo anche qua l'immagine che riassume tutti i prodotti, che ho scelto personalmente per voi e che spero vi possano piacere ed incuriosire: alcuni sono più comuni e facilmente reperibili, mentre per altri ho scelto di usufruire delle proposte più ricercare che vende Zenstore.


Vediamo ora una piccola presentazione di ciascun prodotto, con qualche semplice suggerimento di utilizzo, che potete leggere e ampliare anche sul sito stesso dell'azienda, che lascio a QUESTO link.


L'olio di Monoi Tiare è un prodotto che mi ha fatto subito pensare all'estate. E' un olio molto amato proprio per l'abbronzatura, e il suo profumo ricorda proprio questa stagione: note olfattive tropicali leggermente floreali, molto particolari.
E' il classico prodotto multiuso che trovo perfetto da infilare in valigia: può essere usato come doposole, grazie alla presenza di Vitamina E, come protezione per i capelli prima di andare in spiaggia (o da impiegare in un impacco), o ancora dopo la doccia come prodotto quotidiano, o come semplice trattamento d'urto per le zone critiche del corpo, come gomiti, ginocchia e talloni.
LINK alla scheda del prodotto.


L'olio essenziale di Tea Tree è un prodotto così versatile e utile in mille occasioni che risulta riduttivo pensarlo per un utilizzo limitato al periodo estivo. Trovo infatti che sia uno degli oli essenziali più utili, da tenere come panacea per disagi e problemi di piccola entità.
Opportunamente diluito in gel di aloe, creme o oli può essere impiegato su brufoli o piccole imperfezioni cutanee, per lenire il prurito delle punture di insetti, velocizza la cicatrizzazione di ferite e può essere utilizzato anche sui capelli per purificare la cute e limitare il problema della forfora. Viene inoltre utilizzato per le micosi e in caso di herpes.
LINK alla scheda del prodotto.


Le proprietà della malva sono note dai tempi degli antichi greci, e anche nell'era moderna è un ingrediente ampiamente utilizzato in cosmetici dedicati alle pelli più sensibili, o irritate, così come nei prodotti per i bambini. Si tratta infatti di una pianta erbacea dai bellissimi fiori viola, tra le più note insieme alla camomilla e alla calendula per il potere lenitivo e rinfrescante. Ho scelto questo idrolato di Malva Bio proprio pensando alle pelli più delicate, anche se può essere usato ovviamente da tutti: suggerisco l'uso come tonico serale, magari a seguito dell'esposizione al sole, o per il contorno occhi imbevendo dei dischetti di cotone e lasciandoli in posa per una decina di minuti. Da tenere in considerazione inoltre per le scottature solari di lieve entità: donerà sollievo e calmerà il fastidio e il bruciore.
LINK alla scheda del prodotto.


Per quel che riguarda le argille ho scelto una variante meno comune, ma con mille proprietà. L'Argilla Viola è infatti particolarmente indicata per le pelli delicate e sensibili e per i capelli spenti. Si può utilizzare in diversi modi: come prodotto leggermente esfoliante, anche sulla pelle del viso, massaggiandola delicatamente sulla pelle pulita. Sui capelli può essere impiegata in combinazione con il rhassoul, mentre sulla pelle del viso può essere lasciata in posa in combinazione con oli o con altri prodotti lenitivi e rinfrescanti, come per esempio del gel di aloe.
LINK alla scheda del prodotto.


Il nome completo è Cassia Obovata, e viene ricavata dalla pianta dal medesimo nome. Ho scelto questa polvere perchè è indicata sia per chi utilizza già erbe ayurvediche sui capelli, che per chi invece desidera provare un'azione ristrutturante al fine di riparare i danni di trattamenti e tinte chimiche. Non è infatti un'erba tintoria: può essere quindi usata da sola, come trattamento per il benessere dei capelli, o in sinergia con altre polveri di hennè per colorare i capelli. Si prepara rapidamente e con grande semplicità: è sufficiente mischiarla ad acqua o infusi caldi, mescolando bene, applicando su tutta le testa e lasciando in posa.
LINK alla scheda del prodotto.


La Polvere di Miele è un ingrediente che personalmente non ho mai provato, ma la scheda descrittiva mi ha subito colpita e dunque ho deciso di dare a voi l'opportunità di provarla.
Mi è sembrato un prodotto molto indicato in questo periodo estivo, dal momento che la pelle viene messa a dura prova dal sole, che può provocare fastidi di scarsa idratazione e secchezza. Ha infatti le medesime proprietà del miele liquido utilizzato in ambito culinario: si può impiegare mischiandolo con acqua fino ad ottenere un composto omogeneo, da stendere su viso e collo, magari dopo l'esposizione. Ottimo anche nell'acqua della vasta da bagno, per lenire la pelle. Anche il cuoio capelluto può trovare benefici con l'utilizzo di questo prodotto, semplicemente mischiando la polvere con l'acqua successivamente massaggiandolo sulla cute. Zenstore consiglia di effettuare una prova allergica sul palmo della mano o sul polso prima dell'utilizzo sul resto del corpo.
LINK alla scheda del prodotto.


Ho scelto di inserire questo prodotto in quanto trovo sia un ingrediente che sostituisce perfettamente i siliconi tradizionali, soprattutto sui capelli. Sto parlando del Coco Caprylate: si tratta di un estere di origine vegetale, nello specifico derivato dall'olio di cocco. E' un ingrediente leggero sia sulla pelle che sui capelli, tanto da venire spesso impiegato anche per la preparazione di creme e prodotti cosmetici fatti in casa, ma per la mia esperienza gli effetti più positivi si ottengono utilizzando pochissimo prodotto distribuito sulle mani e passato sui capelli bagnati prima dell'asciugatura, o anche da asciutti: definisce e lucida le ciocche, con un effetto simile a quello che si otterrebbe utilizzando dei cristalli liquidi, ma senza impiegare siliconi sui capelli.
LINK alla scheda del prodotto.


Un'altra polvere molto utile sia sui capelli che sul corpo, che ho scelto per voi da Zenstore, è il Methi, o Fieno Greco. Si tratta di una polvere piuttosto odorosa, che utilizzo da diverso tempo sui miei capelli, e che amo: ha un tempo di preparazione più lungo rispetto ad altre polvere ayurvediche, ma gli effetti nel mio caso sono stati immediatamente visibili, e potenziati con l'uso prolungato.
Gli effetti del methi sono conosciuti fin dall'antichità, e anche oggi è una polvere impiegata con successo da chi ricerca capelli sani, lucidi, disciplinati e privi di crespo. Può essere utilizzata anche sul corpo, massaggiando il composto, e sotto forma di olio, utile contro gli inestetismi della cellulite, o sulle rughe per le pelli mature.
LINK alla scheda del prodotto.


Non c'è estate senza olio di cocco.
Un ingrediente versatile e utilizzo per tantissime situazioni diverse, apprezzato anche nelle stagioni più calde proprio perchè si tratta di un olio facilmente assorbibile dalla pelle, oltre ad un'ottima protezione per i capelli. Da provare quindi come doposole, unito a farine e ingredienti esfolianti, oppure come ingrediente per impacchi ai capelli (aggiungendo magari gel o burri), o ancora da applicare in piccola dose sulle punte dei capelli per definire le ciocche prima dell'asciugatura. Nelle donne in dolce attesa può essere utilizzato come olio da massaggio sul pancione, sul seno e sulla zona dei glutei e cosce, per mantenere elastica la pelle e limitare il rischio di smagliature.
LINK alla scheda del prodotto.


Un altro prodotto che ho scelto per voi è un ingrediente apprezzato da grandi e piccini, ovvero l'amido di mais. Amo questo prodotto e ne faccio da sempre un grande utilizzo, reso più semplice dal fatto che è pronto all'uso: basta mischiarlo ad acqua o comunque ad ingredienti acquosi per ottenere un composto facilmente utilizzabile in diverse circostanze, a seconda della consistenza con cui si prepara il composto. Se versato nell'acqua della vasca risulta essere un ottimo lenitivo sulla pelle, lasciandola morbida anche al tatto, mentre se viene mischiata utilizzando meno acqua, ottenendo quindi un composto più cremoso, può essere applicata più comodamente sulla pelle, massaggiandolo per un momento di coccola. Trattandosi di un prodotto puro al 100% può essere utilizzato senza timore anche sulla pelle dei bimbi, trattandosi di un detergente naturale e di un ingrediente che per le sue proprietà lenitive risulta essere ottimo anche sulla pelle irritata dallo sfregamento contro il pannolino.
LINK alla scheda del prodotto.


Ho aggiunto la Polvere di Arancia ai prodotti scelti sia perchè può essere combinata con diversi degli altri prodotti presenti in questi premi. Possiamo infatti sfruttare il povere esfoliante sul corpo unendola all'olio di cocco, o all'idrolato di malva sul per massaggiarla delicatamente sul viso. Risulta inoltre un valido ingrediente da aggiungere agli impacchi, apportando notevoli benefici ai capelli: è possibile quindi aggiungerlo alla Cassia o al methi: quest'ultima combinazione si rivela infatti particolarmente furba in quanto la polvere di arancia può aiutare a rendere meno persistente e forte l'odore del fieno greco, che non tutti gradiscono.
LINK alla scheda del prodotto-


Come ultimo prodotto ho scelto di farvi provare una tisana che incuriosisce molto me, e che dunque ho deciso di far provare a voi affinchè poi possiate magari fornirmi una vostra impressione in merito. Si tratta della tisana a base di Tisana Tenuiflora, molto apprezzata per le sue proprietà purificanti sulla pelle, che oltre ad essere una buona bevanda da impiegare per uso interno può essere utilizzata anche sulla pelle, tramite frizioni o vaporizzandola, per le sue proprietà cicatrizzanti e lenitive.
LINK alla scheda del prodotto.


Questi sono i prodotti che io ho scelto per voi, a cui Zenstore ha aggiunto, autonomamente, qualche altro prodotto, novità sul catalogo e di cui lascio i link per ciascuno:

Bava di lumaca (QUA la scheda del prodotto)


Hennè Lala Menana, 100% Lawsonia Inermis  (QUA la scheda del prodotto)


Hennè Hemani Burgundy con Oudh (QUA la scheda del prodotto)


Ecco dunque presentati uno ad uno i premi che Zenstore ha gentilmente concesso ad una di voi, scelti da me e poi integrati dalla stessa azienda: è sempre un piacere collaborare con questa ditta che dimostra grande professionalità, qualità e gentilezza, motivo per cui vi invito a visitare il sito dell'azienda e a seguirli sulla loro pagina facebook! :)
                                                                                               
                                                                                                         

mercoledì 12 luglio 2017

Collaborazione Le Fate Bio: linea Camelia'

Ciao a tutti,
oggi vi voglio parlare di un' azienda produttrice di cosmetici eco bio con sede a Salerno, che propone cosmetici vegani certificati da AIAB e da QCertificazioni (che ne controlla anche la certificazione per l'etica vegana) e testata inoltre Nickel Tested.
Sto parlando di Le Fate Bio, un'azienda dedicata interamente alla cura della pelle di viso e corpo, che divide i suoi prodotti in due differenti linee: la prima, la linea Essential, si compone di sei oli con una base di olio di mandorle dolci, di cui cinque arricchiti con profumazioni diverse, tre bagnodoccia, e tre creme corpo disponibili in due diversi formati e dosi.
La linea Camelià è invece quella più recente, e si compone di diversi prodotti: crema viso antirughe, crema viso idratante, mousse detergente, crema contorno occhi con eufrasia e caffeina, scrub viso ai noccioli di albicocca e infine olio puro di Camelia biologico.
Caratteristica comune di questa linea è la presenza dell'olio di Camelia, un validissimo alleato per il benessere della pelle, utilissimo per mantenere la pelle elastica e ottimo per la rigenerazione dei tessuti (l'olio di camelia viene infatti usato anche come coadiuvante per la cicatrizzazione).
E' possibile acquistare i prodotti dell'azienda Le Fate Bio presso i numerosi rivenditori fisici ed online, di cui si trova un elenco diviso per regione nell'apposita sezione sul sito, di cui vi lascio QUA il link per poterlo visitare in ogni sua sezione.

Ma comincio subito a parlarvi dei prodotti che ho ricevuto, due referenze della linea Camelia, in particolare la crema antiage e la mousse detergente.


Il primo prodotto di cui vi parlo è la Crema Viso Antirughe all'olio di Camelia, venduta in confezione di plastica con dispenser dosatore, in dose da 50 ml al prezzo di euro 21,90 circa.


La crema ha un PAO di 9 mesi ed è a sua volta contenuta in una scatola di cartoncino che ne riassume le proprietà, la modalità d'uso, gli ingredienti (informazioni che troviamo in doppia lingua, italiano ed inglese), e il numero di lotto.


Doverosa è la premessa che ancora non necessito di una crema antirughe, e dunque non posso valutare l'effetto antiage essendo la mia pelle piuttosto giovane, ma posso senza dubbio darvi le mie impressioni per tutte le altre caratteristiche, in virtù del fatto che comunque uso anche prodotti con ingredienti utili a contrastare la comparsa dei segni del tempo. La confezione di questo prodotto si è rivelata da subito molto comoda ed igienica, pratica anche per dosare il prodotto dal momento che viene rilasciata una dose di crema non troppo abbondante. 


Le dimensioni del flacone sono poi piuttosto piccole e compatte, e dunque la crema occupa poco spazio anche in occasione di necessità di poco ingombro, come nel caso di viaggi. La crema viso antirughe si presenta come un'emulsione dalla consistenza non troppo leggera, ma che si stende facilmente sulla pelle e altrettanto facilmente si assorbe, senza lasciare una scia bianca particolarmente accentuata. La profumazione è presente ma rimane delicata, leggermente floreale e piuttosto fresca, in cui avverto anche note talcate.
Ho letto in diverse recensioni che questa crema si rivela particolarmente apprezzata da ragazze dalla pelle mista o secca, mentre può risultare leggermente pesante su una pelle grassa, ed effettivamente sulla base della mia personale percezione di utilizzo non posso che concordare, pur avendo la pelle del viso secca: nel mio caso non mi ha creato alcun problema di pesantezza sul viso, ma riconosco che non si tratta di una crema particolarmente leggera. 


Proprio per questa sua peculiarità ho preferito utilizzare questo prodotto come crema notte, pur avendola provata anche di giorno. In quest'ultimo caso in particolare ho potuto apprezzare a pieno le proprietà nel periodo invernale, quando tendo a proteggere maggiormente la pelle anche con prodotti che avverto meno leggeri, ma che apportano benefici alla mia pelle secca, mentre nelle giornate più calde ho preferito non utilizzare questo prodotto in quanto ho riscontrato qualche effetto spiacevole, come spesso mi accade con le creme viso nei periodi caldi: sensazione perenne di prodotto sulla pelle, e una sudorazione anomala in alcune zone del viso, in cui toccandole era possibile avvertire una sensazione simile a quella che si avverte appena applicata la crema. Utilizzando la crema di notte comunque ho riscontrato buoni effetti sulla mia pelle, in particolare sulle zone maggiormente secche nella zona T: da sempre ho fatti la pelle del naso e della fronte, con episodi più sporadici anche sul mento, tendenzialmente secca e con pelle che, nonostante i frequenti prodotti esfolianti, tende a rendere difficoltosa anche l'applicazione del fondotinta. Dopo un mese circa dall'inizio all'applicazione costante di questo prodotto ho notato che il problema non era totalmente scomparso, ma di certo molto attenuato. Non ho riscontrato inoltre alcun problema di sensibilità con questa crema: gli ingredienti sono particolarmente adatti anche per le pelli più delicate, e sotto questo punto di vista è una crema che la mia pelle ha tollerato perfettamente. 


Come indicato non posso invece dare una mia valutazione sull'efficacia contro le rughe, motivo per cui mi piacerebbe se qualcuno di voi avesse voglia di commentare raccontandoci la propria esperienza anche sulla pelle matura.

Immagine presa dal sito lefatebio.com
Clicca sull'immagine per ingrandire

Leggendo l'inci ho notato la presenza in buona quantità (almeno valutando la posizione del nome scritto nell'elenco inci) del burro di karitè, ingrediente sicuramente valido ma che penso possa contribuire a rendere questo prodotto non particolarmente leggero, mentre mi ha molto incuriosito la presenza del profumo in questo prodotto, o meglio la quantità, che sebbene ovviamente non sia indicata precisamente ho ritenuto inserita in percentuali importanti. Il mio dubbio è nato precisamente dal fatto che ho notato la voce Parfum (Fragrance) prima di diversi estratti, ma la stessa azienda mi ha chiarito questo dubbio, spiegandomi che la percentuale di utilizzo della fragranza è al di sotto dell'1%, così come gli estratti che seguono, e l'ordine di inserimento degli ingredienti segue dunque una sequenza casuale come è possibile fare in caso di ingredienti con concentrazione minore all'1%.


Il secondo prodotto di cui vi parlo è la Mousse Detergente all'Olio di Camelia, contenuta in un flacone foamer in dose da 150 ml.


Questo prodotto ha un PAO di 9 mesi e riporta stampate sul flacone le indicazioni di utilizzo (sia in italiano che in inglese), l'inci e il numero di lotto. Si tratta di una vera e propria mousse, della consistenza tipica a quella che produce il flacone foamer, che ha funzione di detergente, struccare e tonificare il viso. La grafica che notate nelle mie foto è stata poi modificata e potete verificare quella odierna nell'immagine presa dal sito in cui indico l'elenco degli ingredienti. Personalmente preferisco quella che ho ricevuto io, la trovo più fresca e delicata, ma si tratta ovviamente di una preferenza  totalmente soggettiva.
La prima cosa che ho potuto notare prelevando questo prodotto è la profumazione che non ho trovato particolarmente gradevole, anche se senza dubbio delicata: trovo che la percezione delle note olfattive sia così tanto soggettiva da rendere molto difficile anche la spiegazione sulla motivazione, prendete dunque questa informazione come un mero punto di vista da parte di una persona piuttosto sensibile agli odori, e se vogliamo anche un po' noiosa ed esigente sotto questo punto di vista.


Come primo utilizzo di questo prodotto, non conoscendolo, ho preferito affidarmi a quanto la stessa azienda consiglia, ovvero di distribuire una noce del prodotto su viso e collo inumiditi, massaggiando per sciogliere il trucco e rimuovere le impurità e dunque sciacquare con acqua tiepida. Mi sono mossa esattamente come descritto, ma le prime impressioni su questo prodotto in questo modo non sono state soddisfacenti: la mousse scioglieva bene infatti gran parte del trucco (che ho spesso sul mio viso in grande quantità), ma con la stessa efficacia che mi da l'acqua calda prima di usare un comune struccante. Sciacquando poi con acqua successivamente il trucco non veniva rimosso con la schiuma, ma distribuito su tutto il viso con un effetto ben lontano da quello che mi sarei aspettato. La cosa mi ha piuttosto stupito, in quanto questo è l'effetto che riscontro solitamente con prodotti che non presentano tensioattivi, e che dunque richiedono un'azione meccanica.


Ho impiegato un po' di tempo quindi per capire come usare al meglio, ed apprezzare, questo prodotto: dopo qualche utilizzo così come indicato dal produttore mi sono resa conto semplicemente che per le mie personali esigenze un simile uso non era tra i più comodi. Ho quindi tentato un utilizzo diverso, unendo questo prodotto alla routine che metto in atto con detergenti diversi. Dopo aver bagnato il viso quindi, e sciolto una prima parte del make up, ho usato la mousse per massaggiare il viso per circa un minuto, e successivamente ho usato per la detersione finale un dischetto struccante lavabile, della marca Les Tendances d'Emma, di cui vi avevo già parlato su facebook e che acquistai circa un anno fa dal sito Il Giardino di Arianna (il kit contiene 15 dischetti, il contenitore in legno che li contiene, e un sacchetto in cotone biologico per lavarli). In questo modo, usando con grande delicatezza questi dischetti, prodotti in un tessuto vegetale che si ricava dall'eucalyptus, ho potuto apprezzare a pieno questa mousse: avendo sciolto il trucco in precedenza l'azione da esercitare sul viso è veramente minima, dunque non si irrita in nessun modo la pelle del viso (nemmeno nelle zone più delicate), e ci si limita a rimuovere più facilmente il trucco sciolto e mischiato alla schiuma stessa della mousse. Preciso che ho atteso un po' prima di parlare di questo prodotto proprio perchè volevo capire, anche in base alla reazione della mia pelle, se l'uso che ne stavo facendo potesse in qualche modo nuocere alla mia pelle delicata, ma a distanza di tempo posso indicare in maniera abbastanza certa che no, per la mia pelle delicata quest'uso non ha portato assolutamente alcun problema, sia per l'utilizzo della detersione "meccanica" del pannetto, che per il detergente in sè per sè, che ho trovato molto delicato, e con una consistenza che trovo sempre molto gradevole per i prodotti detergenti.
Massaggiandolo sul viso truccato ho notato che scioglie bene e in brevissimo tempo il fondotinta sia in crema che in polvere, così come il rossetto e l'ombretto, mentre anche con il mascara e l'eyeliner (sia normale che resistenti all'acqua) agisce con efficacia ma è necessario massaggiare con un po' più di costanza.


Ho letto online che diverse ragazze lo utilizzando anche come detergente da abbinare al Clarisonic o a spazzoline simili: personalmente non è uno strumento che utilizzo, ma lascio questa informazione per coloro che invece amano questo tipo di pulizia e desiderino quindi tentare.

Immagine presa dal sito lefatebio.com
Clicca sull'immagine per ingrandire

L'inci di questo detergente è caratterizzato dalla presenza di Cocamidopropyl betaine, un ingrediente piuttosto controverso in quanto pur essendo di origine vegetale (deriva infatti dall'olio di cocco) è spesso oggetto di discussioni per l'ecosostenibilità. Per quel che riguarda la delicatezza viene per lo più abbinata ad altri tensioattivi per ridurne l'aggressività, in questo caso il Sodium Cocoyl Sarcosinate, che è presente anche come tensioattivo principale nei cosmetici dedicati alle pelli più sensibili. Di seguito troviamo gli oli e gli estratti, e infine il profumo, il conservante (Benzyl Alcohol e Benzoic Acid, potenzialmente allergizzanti nei soggetti più sensibili, ma che nel mio caso non mi hanno creato problemi), il correttore di pH e il Tocoferolo.

Questa è stata la mia esperienza con i due prodotti ricevuti dall'azienda Le Fate Bio, ringrazio in particolar modo Patrizia con cui ho avuto modo di parlare via mail e che mi ha gentilmente chiarito alcuni dubbi in merito ai prodotti ricevuti.


Nel pacco ho trovato anche due campioncini della Crema Viso Idratante della stessa linea, versione che sarebbe stata probabilmente più indicata per la mia pelle giovane, e di cui ho apprezzato la consistenza leggera e la profumazione delicata, piuttosto simile a quella della crema antirughe, ma di cui non posso sbilanciarmi circa gli effetti essendo ovviamente dosi minime di prodotto.

Come sempre ricordo che la presente recensione è frutto della mia personale esperienza con i prodotti dell'azienda, e dunque soggettiva.

Attendo da voi eventuali dubbi e riflessioni in merito a questi prodotti, con l'invito ad integrare il post con la vostra esperienza, nei commenti, anche sugli altri prodotti presenti nella linea!


                                           Lalla


mercoledì 28 giugno 2017

Bioè: Shampoo Idratante Baobabè

Ciao a tutti,
oggi vi voglio parlare di un prodotto ricevuto e provato qualche tempo fa, e di cui trovo solo ora il modo e il tempo per parlarvene in maniera approfondita. In questo articolo vi descriverò la mia esperienza con lo shampoo Idratante Baobabè, della linea Bioè di Inco Cosmetici, di cui lascio QUA il link al sito dell'azienda.


Ho avuto modo di provare questo shampoo in anteprima in occasione di Sana 2016, evento in cui ho conosciuto di persona Francesca Mancini allo stand Inco Cosmetici, che mi ha presentato le prime caratteristiche di questo shampoo che in quell'occasione veniva fatto annusare e poi consegnato in minidose in una profumazione a scelta tra due proposte: in quel periodo infatti la fragranza dello shampoo era una caratteristica non ancora definita.


Non mi aspettavo dunque l'arrivo di due flaconi di questo prodotto, qualche mese dopo. contenute in una scatola decorata e chiusa da un bellissimo fiocco rosso di raso, con stampate sopra le frasi che vi mostro in foto: una graditissima sorpresa di cui vi parlo dopo diverso tempo avendo ormai un'idea ben precisa sul prodotto.



Per prima cosa vi segnalo che la linea Bioè è certificata ICEA ed è la linea naturale del marchio Inco Cosmetici, un'azienda con sede legale a Pianoro, in provincia di Bologna, di cui ho provato diversi prodotti proprio della linea certificata, e che ho trovato molto validi nella maggior parte dei cosmetici provati.


Non avevo ancora avuto modo di provare prodotti per capelli di questa azienda, motivo per cui sono stata molto felice di ricevere questo pacco.
Lo Shampoo Baobabè è contenuto in una confezione di plastica bianca con tappo dello stesso colore, da 200 ml, rivestita di un'etichetta adesiva in plastica trasparente che contiene tutte le indicazioni utili al consumatore: caratteristiche del prodotto in italiano, inglese, portoghese, spagnolo, francese e tedesco, elenco degli ingredienti, PAO, numero di lotto.


Personalmente preferisco i flaconi prodotti in materiali se non perfettamente trasparenti almeno semiopachi, o comunque che permettano di controllare il livello del prodotto all'interno: si tratta comunque di una preferenza soggettiva e che comunque non mi dissuade dall'acquisto, anche se di certo trovo sia una caratteristica comoda. Lo shampoo si presenta come un liquido perfettamente trasparente, piuttosto liquido, con una profumazione piuttosto delicata, in cui avverto delle note quasi talcate, non fastidiose e non troppo persistenti dopo il lavaggio, ma molto piacevoli. La consistenza così fluida rende anche piuttosto influente la presenza di un foro di uscita piuttosto piccolo, essendo di una liquidità tale da uscire dal flacone semplicemente se questo viene capovolto, senza premere sul corpo del flacone.


La caratteristica principale di questo prodotto, come mi aveva spiegato Francesca Mancini durante il nostro incontro a Sana, è proprio il potere idratante, che combinato ad un'abbondante schiuma permette, almeno dalla presentazione, di districare e ammorbidire i capelli solo con l'utilizzo dello shampoo durante il lavaggio e rendendo dunque superfluo l'uso dello shampoo. Una premessa molto interessante dunque, che non ho potuto non mettere alla prova con tanta curiosità. Incomincio con il dire che i miei capelli lunghi, ricci e secchi non possono fare a meno del balsamo o maschera, con pose più o meno lunghe a seconda del prodotto stesso, ma necessitando comunque di un prodotto condizionante a seguito del lavaggio. Con questa premessa è anche comprensibile il mio iniziale scetticismo in merito, ritenendo che la formulazione di un prodotto lavante (di cui parleremo in seguito) non potesse in qualche modo sostituire lo shampoo.


Per l'utilizzo del prodotto ho scelto, come sempre di diluire inizialmente lo shampoo, utilizzando pochissima acqua essendo un prodotto già molto liquido, con un abbondante potere schiumogeno e, come ho notato in seguito, piuttosto delicato. In questo modo ho ottenuto però un prodotto ancora più difficile da maneggiare, in quanto liquido quasi al pari dell'acqua, e così ho scelto di provare successivamente il prodotto anche da puro. Ho ottenuto comunque un ottimo risultato, e non penso di aver utilizzato più prodotto di quello che io non abbia prelevato diluito, dunque ho scelto di proseguire per questa strada. Pur avendo i capelli lunghi e folti è bastato davvero poco prodotto per detergere bene la testa: ho prelevato qualche goccia di shampoo per la nuca, per la zona della fronte e per la parte sopra le orecchie, massaggiando con cura con i polpastrelli, fino a raggiungere una schiuma tale da poter distribuire il prodotto anche sulle lunghezze, massaggiando anche quelle. Già durante il lavaggio ho notato le dita scivolare piuttosto facilmente tra i capelli, riuscendo a districare bene i noti senza che io dovessi pettinarli. Questo dettaglio mi è risultato senza dubbio gradito, ma senza colpirmi particolarmente in quanto non è raro che prodotti con un buon potere schiumogeno mi aiutino a districare i capelli.


Ho quindi proseguito con il lavaggio, sciogliendo i nodi con le dita e infine sciacquandoli con abbondante acqua. E' stato proprio durante questa fase che ho incominciato a notare la particolarità di questo prodotto. Lo shampoo è stato risciacquato senza grosse difficoltà, in un tempo ragionevolmente breve, e ho notato subito dopo una grande morbidezza del capelli, soprattutto sulle lunghezze, in cui l'effetto condizionante dello shampoo pareva essersi palesato con maggiore efficacia. Non è il primo shampoo che mi porta a questi risultati, ma dopo averlo provato anche su capelli particolarmente sporchi posso dire che è uno di quelli in cui questo potere è maggiormente presente. Se ho tutto il tempo a mia disposizione non lo uso comunque come sostituto del balsamo, perchè trovo che l'effetto non sia esattamente lo stesso, ma in caso di shampoo rapido, in poco tempo o con poca voglia ho utilizzato solamente questo prodotto ottenendo comunque un capello disciplinato, curato e a cui non pare essere mancato uno step fondamentale durante il lavaggio. Un prodotto dunque che ho trovato molto particolare, e che se anche non trovo unico nel suo genere è senza dubbio uno dei migliori che rientra in questa categoria di prodotti, che permette di evitare l'applicazione del balsamo.


Osservando l'inci notiamo che questo prodotto contiene come tensioattivi l'Ammonium Lauryl Sulfate e la Cocamidopropyl betaine, due tensioattivi spesso presenti nelle formulazioni di cosmetici insieme, in quanto se utilizzati insieme  (o con altri tensioattivi adatti a questo scopo), viene mitigata la loro aggressività, risultando alla fine due componenti molto validi. Da sottolineare comunque che le betaine vengono spesso guardate con sospetto per la loro scarsa biodegradabilità, caratteristica comunque comune a molti tensioattivi. Il Cocoglucosyde Gliceryl Oleate è un altro tensioattivo presente, molto apprezzato per la sua delicatezza, ma è il il componente denominato Guar Hydroxypropyltrimonium Chloride l'ingrediente condizionante che permette al capello di risultare morbido e disciplinato anche con il solo lavaggio dello shampoo, prima di applicare il balsamo. Si tratta di un ingrediente derivato dalla gomma Guar spesso impiegato in prodotti per capelli proprio per il suo potere condizionante ed antistatico, che permette una buona pettinabilità delle lunghezze.
Non appena letto l'inci ho subito notato la presenza di questo ingrediente, ed avendolo già incontrato in altri prodotti (oltre ad averlo usato tempo a dietro come materia prima) ho subito intuito che si potesse trattare di un buon prodotto, anche se inizialmente ero un po' scettica come prima indicato. Ovviamente è presente anche l'ingrediente da cui lo shampoo prende il nome, ovvero l'Olio di Baobab, che è invece un ingrediente a me nuovo e che non ho mai impiegato in altri modi o prodotti.
Una formulazione non particolarmente ricca di estratti o attivi dunque, ma semplice e funzionale, oltre che molto delicata.


Il prodotto può essere acquistato presso i rivenditori del brand, come Altrostile, che lo vende ad un prezzo di euro 17,00.

Spero che questa recensione vi possa essere utile per conoscere un'azienda e un prodotto nuovo e rimango ovviamente a disposizione nei commenti per qualsiasi altro dubbio o curiosità in merito.


Ringrazio poi nuovamente Inco Cosmetici per il graditissimo invio di questo prodotto, che ho provato con tanta curiosità e che, come sempre, vi ho descritto sulla base della mia personale esperienza in merito, dunque da considerarsi soggettiva.

Alla prossima!


                                                  Lalla

lunedì 19 giugno 2017

Maschera Ristrutturante Intense Bio Marina

Ciao a tutti,
in questo articolo vi voglio parlare di un prodotto che ho veramente apprezzato in questo periodo, e che ho scelto di provare per più tempo senza soffermarmi sulle prime, ottime, impressioni. Sto parlando della Maschera Ristrutturante Intense, di Bio Marina, azienda che apprezzo da ormai diverso tempo sia per i validissimi prodotti che propone sia per la gentilezza della titolare, Marina Ferrari, che ho avuto il piacere di conoscere di persona. 


Trovo che Marina incarni perfettamente il concetto di Bellezza Sincera, parole che troviamo anche nel logo dell'azienda, e che rappresentano il sano benessere a 360°, senza artifici inutili, apportando solamente lo stretto necessario al nostro corpo. Vi invito a visitare il sito dell'azienda, in cui scoprire qualcosa di più su Marina e sui prodotti proposti (QUA il link).


La Maschera Intense è una delle ultime uscite dell'azienda, che ha sede legale a Milano e formula cosmetici per viso, corpo e capelli certificati AIAB, con una chiarezza espositiva davvero apprezzabile: l'etichetta della maschera propone infatti tutte le indicazioni necessarie, come ingredienti, modalità d'uso (in doppia lingua, italiano ed inglese), certificazioni e, sul fondo, il numero di lotto e di scadenza.


Si tratta di un prodotto contenuto in un barattolo con tappo a vite, di plastica bianca, in dose da 250 ml, che appena viene aperto sprigiona la prima vera caratteristica di questo prodotto, ovvero la profumazione. Chi ben mi conosce sa che amo principalmente due tipologie di note olfattive, quelle speziate e quelle agrumate.
La Maschera  Intense le riassume entrambe, combinandole con estrema efficacia ma lasciandole protagoniste allo stesso modo. Le prime note olfattive che giungono sono quelle più pungenti e acidule degli agrumi, che portano poi alle fragranze più speziate e legnose, che avvolgono e rimangono più persistenti anche dopo l'utilizzo.
Questa è infatti la piramide olfattiva che caratterizza la maschera Intense, trovata con qualche difficoltà su un sito che la rivende.

Note di testa: arancia, bergamotto, limone.
Note di cuore: rosmarino.
Note di fondo: patchouly, legno di cedro.


La profumazione è stata quindi una delle primissime cose che ho apprezzato e che ho notato con piacere che permane anche dopo il lavaggio, anche se certamente un maniera meno pungente e limitandosi ad una nota legnosa sui capelli.
Per quel che riguarda l'aspetto della maschera invece, il prodotto si presenta come una crema piuttosto densa, bianca avorio e molto luminosa, che se prelevata appare particolarmente lucida.



La scheda del prodotto indica di distribuirla sui capelli lavati e bagnati, lasciandola in posa per 15 minuti, o asciutti per un trattamento più intensivo, lavandoli poi solo successivamente.
Solitamente utilizzo le maschere e i prodotti simili a capelli bagnati e puliti, ma ho voluto comunque provare l'utilizzo sui capelli asciutti, senza riscontrare una differenza sostanziale. Nello specifico in entrambi i casi ho applicato una quantità di prodotto pari (più o meno) a un cucchiaino abbondante di crema, distribuita poi sulle lunghezze e sulle punte, massaggiando per qualche minuto. Con i capelli bagnati la sensazione è stata che la quantità prelevata fosse perfetta, quasi eccessiva, mentre a capelli asciutti non essendoci anche la quantità di acqua dei capelli la dose è stata distribuita in maniera comunque comoda, ma più moderata sulla lunghezza dei miei capelli (ricci e folti, da asciutti arrivano a metà schiena).
In foto, l'applicazione di un cucchiaino abbondante di crema sui capelli asciutti: come è possibile notare la quantità che appare applicata è minima, le lunghezze e le radici appaiono appena inumidite, ma la quantità è sufficiente a permettere un buon effetto districante sulle lunghezze e sulle punte.



Essendo molto cremosa la maschera avvolge perfettamente le ciocche, senza colare, nel mio caso sicuramente favorita dal fatto che prima rimuovo l'acqua in eccesso dai capelli "stropicciandoli" con le mani. Non è stato necessario infatti raccogliere i capelli in modo particolare per contenere la densità del prodotto: mi sono limitata a legarli in maniera molto morbida, occupandomi di altro nel frattempo.



Solitamente a seconda del prodotto in uso scelgo o di attendere il tempo di posa, e pettinarli solo successivamente, oppure pettinarli nel frattempo, e attendere ancora qualche minuto prima di risciacquarli. In questo caso ho preferito far agire bene la maschera per il tempo indicato, e solo successivamente pettinarli con la spazzola che uso abitualmente, tenendoli fermi alla radici per evitare di spezzarli, pur essendo molto delicata durante questa fase. Mi sono subito resa conto, mentre li spazzolavo, che si tratta di una maschera altamente districante, che va ad agire sulle lunghezze facilitando lo scioglimento dei nodi, sia sulle punte rendendole disciplinate, dettaglio che ho potuto notare soprattutto successivamente, durante e dopo l'asciugatura.
Anche sui capelli asciutti ho notato lo stesso ottimo effetto, ma personalmente gradisco meno l'applicazione dei prodotti da lasciare in posa sui capelli non puliti e asciutti (li preferisco sempre se non bagnati almeno inumiditi). A prescindere da questa mia preferenza personale, assolutamente soggettiva, è un prodotto che risulta veramente efficace anche in questo caso, tanto che dopo lo shampoo sono di una morbidezza tale da non richiedere l'utilizzo di balsamo.
Dopo aver applicato questo prodotto i capelli si sciacquano senza grosse difficoltà, rimanendo morbidissimi sia mentre l'acqua scorre tra i capelli sia dopo averli tamponati.
I capelli a seguito dell'asciugatura si sono rivelati super morbidi, disciplinati, con ricci morbidi ma perfettamente definiti, e per nulla appesantiti dalla formulazione di questo maschera.



Non ho trovato necessario l'aggiunta di altri ingredienti, già ben selezionati e rigorosamente scelti affinchè la formulazione risulti vincente, pur nella sua semplicità. La prima cosa che ho notato leggendo l'inci è stata la totale assenza di oli, cosa che mi ha molto incuriosito e allo stesso tempo entusiasmata in quanto prediligo formulazioni che non presentino grandi quantità di questi ingredienti, che tendono spesso ad appesantirmi i capelli (che ho solitamente tendenti al secco).
Il primo ingrediente dopo l'acqua è il Behenamidopropyl Dimethylamine, ovvero un condizionante vegetale di origine vegetale la cui ecosostenibilità è piuttosto dibattuta online in diversi siti, ma che di fatto viene ampiamente usato in diverse prodotti di aziende certificate ecobio essendo l'unico ingrediente cationico per balsami ammesso dagli standard di ecobio cosmesi, come ha precisato Marina Ferrari alla mia richiesta di informazioni in merito. Questo, insieme al Cetearyl Alcohol, possono essere definiti l'anima del prodotto inteso come cosmetico disciplinante e condizionante. L'inci si sviluppa poi con la presenza di diversi attivi, come ceramidi di girasole, riso e provitamina B5, riportando a fine inci alcuni componenti potenzialmente irritanti ma presenti naturalmente negli altri ingredienti.



Ho applicato questa maschera con una cadenza di circa una volta a settimana, utilizzandola due volte nello stesso arco di tempo quando notavo i miei capelli particolarmente secche o privi di forma, e non posso che ritenermi particolarmente soddisfatta da questo prodotto, di cui ho avuto subito un'impressione ottima ma che ho preferito descrivermi dopo un uso più attento e duraturo proprio per evitare di passarvi informazioni frettolose e dettate dall'entusiasmo iniziale, ma dopo diverso tempo e diverse applicazioni posso senza dubbio confermare la mia prima impressione iniziale di reale amore per questo prodotto, che a quanto leggo ha davvero entusiasmato tantissime persone.
Vi ricordo che la maschera è acquistabile presso i numerosi rivenditori del brand (di cui è disponibile una lista sul sito dell'azienda) al prezzo di euro 19,90.

Di seguito, due foto dei miei capelli asciutti dopo aver applicato questa maschera: i capelli appaiono molto lucidi e morbidi. Occorre comunque tenere conto che il capello riccio appena si muove crea facilmente la classica "nuvoletta" di capelli che possono apparire crespi, mentre in realtà sono semplicemente quelli che si staccano dalle ciocche definite e possono dare questo effetto.




Dal momento che ho provato anche la Crema Balsamo Ristrutturante della marca Bio Marina vi comparo brevemente i due prodotti.



Profumazione: trovo senza dubbio più gradevole quella della maschera, anche se si tratta di odori ben differenti.
Densità: la maschera è decisamente più densa del balsamo.
Confezione: a livello di comodità ed igiene quello del balsamo (in dispenser dosatore) trovo sia difficilmente comparabile con altri, e dunque migliore del barattolo.
Applicazione: si applicano entrambi con grande facilità, ma la maschera essendo più corposa trovo sia più comoda da lasciare in posa.
Efficacia: entrambi molto efficaci, ma personalmente preferisco la maschera, e come prodotto pre shampoo prediligo questa senza dubbio, anche se non è l'uso che solitamente faccio.
Inci: Hanno gran parte degli ingredienti in comune, compresi i condizionanti, formulazioni ottime in entrambi i casi.
Il prezzo: la maschera costa poco di più, a fronte di una quantità di prodotto maggiore. Sono comunque, in entrambi i casi, cifre che ritengo ben spese vista la grande qualità del prodotto.


Ringrazio davvero di cuore Marina Ferrari per avermi permesso di provare questa maschera a pochissima distanza di tempo dalla sua uscita, e vi ricordo come sempre che quella da me riportata è la mia persona esperienza in merito a seguito dell'utilizzo del prodotto, ovviamente soggettiva.

E voi? Avete provato questa maschera? Attendo le vostre impressioni e domande in merito!


                                             Lalla